giovedì 3 giugno 2010

La mia casa 3D realizzata con SkretchUp:

video

sabato 15 maggio 2010

Popolazione Mondiale e Ambiente


Per popolazione mondiale si intende il numero totale di esseri umani viventi sul pianeta Terra in una data definita. Per esempio, si stima che all'8 febbraio 2010 la popolazione mondiale abbia raggiunto i 6.801.400.000 abitanti.
Nell'anno 2040 sul nostro pianeta ci saranno circa 9 miliardi di abitanti.

Stabilizzazione della popolazione.
Mentre la crescita della popolazione ha subito un rallentamento, il numero assoluto di persone continua ad aumentare. Rallentare la crescita della popolazione avrebbe contribuito a migliorare gli standard di vita e avrebbe acquistato tempo per proteggere le risorse naturali.

La popolazione mondiale è cresciuta a causa di una combinazione di cambiamenti positivi, come una migliore igiene, la nutrizione e l'assistenza sanitaria che consentono alle persone di vivere più a lungo, una vita più produttiva. Lo slancio della popolazione contribuisce anche alla crescita della popolazione. “Popolazione slancio” significa che quanto più le persone sono nate nel mondo, c'è una piscina più grande di persone che entrano nel loro anno fertile allo stesso tempo, il che crea un "rigonfiamento popolazione".
Questo è ciò che sta accadendo oggi. Quasi tre miliardi di persone giovani (pari a tutta la popolazione del mondo nel 1960) entrerà loro anni di gravidanza nella prossima generazione e anche se ogni coppia ha scelto di avere un solo figlio, il solo numero di persone recanti i bambini nella stessa periodo di tempo sarà messo a dura prova le risorse della Terra.

Distribuzione della popolazione.
I modi in cui sono distribuite le popolazioni di tutto il mondo anche interessare l'ambiente. Continua l’alta fertilità in molte regioni in via di sviluppo, accoppiato con bassa fecondità nelle regioni più sviluppate, significa che l'80% della popolazione mondiale vive oggi in paesi meno sviluppati.

Inoltre, la migrazione umana è ai massimi di tutti i tempi. Gran parte di questa migrazione segue un modello rurale a urbana, e, di conseguenza, la popolazione della Terra è sempre più urbanizzata.
Recentemente, nel 1960, solo un terzo della popolazione mondiale viveva nelle città. Nel 1999, la percentuale è aumentata fino a quasi metà (47%). Questa tendenza dovrebbe continuare anche nel XXI secolo.


La distribuzione di persone in tutto il mondo ha tre principali implicazioni per l'ambiente:
• In primo luogo, le regioni meno sviluppate facendo fronte con una quota crescente della popolazione, intensificano le pressioni riducendo le risorse di queste aree.
• In secondo luogo, si sposta la migrazione e la pressione relativa esercitate sugli ambienti locali, agevolando il ceppo in alcuni settori e l'aumento in altri.
• Infine, l'urbanizzazione, in particolare nelle regioni meno sviluppate, spesso supera lo sviluppo delle infrastrutture e dei regolamenti ambientali, molte volte con conseguenti livelli elevati di inquinamento.


Possiamo vedere qui un esempio che rappresenta la
popolazione di un singolo stato. In questa piramide delle
età si può notare la composizione della popolazione
in Italia nel 2005.
Composizione della popolazione. 
La composizione può anche avere un effetto sull'ambiente a causa dei diversi sottogruppi della popolazione che si comportano in modo diverso. Ad esempio, la popolazione mondiale ha sia la più grande coorte di giovani (età 24 anni) e la più grande quantità di anziani nella storia. Le proporzioni variano in base alle età. I giovani hanno più probabilità rispetto ai loro colleghi più anziani a migrare, in primo luogo quando lasciano la casa dei genitori in cerca di nuove opportunità.


Altri aspetti della composizione della popolazione sono importanti: il reddito è particolarmente interessante per le condizioni ambientali. Tra i paesi, il rapporto tra sviluppo economico e le pressioni sull'ambiente assomiglia una curva a forma di U rovesciata; nazioni con economie nella gamma medio-sviluppo hanno maggiori probabilità di esercitare forti pressioni sull'ambiente naturale, per lo più sotto forma di consumo di risorse e intensificata la produzione di rifiuti. Al contrario, le nazioni meno sviluppate, a causa di bassi livelli di attività industriali, sono suscettibili ad esercitare livelli relativamente bassi di pressione ambientale. Nelle fasi di sviluppo molto avanzato, le pressioni ambientali possono ridursi a causa del miglioramento delle tecnologie e dell'efficienza energetica.

Nell'ambito dei paesi e tra le famiglie, tuttavia, il rapporto tra le entrate e la pressione ambientale è diversa. La povertà può contribuire a livelli insostenibili di uso delle risorse come un mezzo per soddisfare i bisogni di sussistenza a breve termine.
Inoltre, livelli più elevati di reddito tendono a correlare con il consumo eccessivo di energia e la produzione di rifiuti.

Come il secolo inizia, le risorse naturali sono sempre più sotto pressione, minacciando la salute pubblica e lo sviluppo. La carenza d'acqua, l'esaurimento del suolo, la perdita di foreste, inquinamento dell'aria e dell'acqua, e il degrado delle coste affliggono molte zone. Dato che la popolazione mondiale cresce, migliorare il tenore di vita senza distruggere l'ambiente è una sfida globale.


Fattori di mediazione: tecnologia, contesti politici e culturali.
La tecnologia attuale, le politiche, e l'influenza della cultura modificano il rapporto tra dinamica della popolazione umana e l'ambiente naturale. I cambiamenti tecnologici che hanno maggiormente colpito le condizioni ambientali riguardano il consumo energetico. Il consumo di petrolio, gas naturale e carbone aumentato notevolmente nel corso del Novecento, come si vede nel grafico qui sotto riportato. Fino al 1960 circa, i paesi sviluppati sono stati responsabili della maggior parte di questo consumo. Da allora, tuttavia, l'industrializzazione in via di sviluppo di recente ha portato ad un maggiore affidamento sulle risorse e altamente inquinanti dei processi produttivi.
Grafico - il consumo energetico mondiale, 1850-1990











La maggior parte delle economie dei paesi sviluppati consumano attualmente le risorse più velocemente di quanto possano rigenerarsi. La maggior parte dei paesi in via di sviluppo con rapida crescita della popolazione fa urgente la necessità di migliorare gli standard di vita. Come noi, esseri umani, sfruttiando la natura per soddisfare i bisogni del presente, stiamo distruggendo risorse necessarie per il futuro?


Le azioni politiche può migliorare il declino ambientale - come in caso di norme emissioni - o esacerbare degradationas nel caso in bacino dell'Asia centrale d'Aral, che ha ridotto il 40 per cento since 1960 ed è diventato sempre contaminati, in gran parte perché il di irrigation politiche della ex Unione Sovietica.
Anche fattori culturali possono influenzare il comportamento delle popolazioni mondiali nei riguardi dell’ambiente.


Ambiente sempre peggio
Negli ultimi dieci anni in ogni settore ambientale, le condizioni sono o non sono per migliorare, o sono in peggioramento:

Sanità pubblica.
Acque non pulite, con scarsa igiene, uccide oltre 12 milioni di persone ogni anno, la maggior parte nei paesi in via di sviluppo. L'inquinamento atmosferico uccide quasi 3 milioni di più. Metalli pesanti e altri contaminanti causano anche problemi di salute gravi.

Approvvigionamento alimentare.
 Ci sarà abbastanza cibo per andare in giro? In 64 dei 105 paesi in via di sviluppo studiati da parte dell'ONU per l'Alimentazione e l'Agricoltura, la popolazione sta crescendo più velocemente dei rifornimenti alimentari.

Acqua dolce.
La fornitura di acqua dolce è finita, ma la domanda è in forte aumento: la popolazione cresce e l'uso pro capite aumenta. 

Coste e oceani.
Metà di tutti gli ecosistemi costieri sono pressioni da parte di alta densità di popolazione e sviluppo urbano. Una marea di inquinamento è in aumento nei mari del mondo.

Foreste.
Quasi la metà dell'originale copertura forestale del mondo è andato perduto, e ogni anno altri 16 milioni di ettari sono tagliati, distrutti o bruciati. Le foreste forniscono più di 400 miliardi di dollari per l'economia mondiale l'anno e sono vitali per il mantenimento degli ecosistemi sani. Eppure, l'attuale domanda di prodotti forestali possono superare il limite di consumo sostenibile del 25%.

Biodiversità.
La terra è fondamentale per la continua vitalità di agricoltura e di medicina, e forse anche per la vita sulla terra stessa. Tuttavia le attività umane stanno spingendo molte migliaia di specie animali e vegetali in estinzione. I ⅔ delle specie sono stimate in declino.

Cambiamento climatico globale.
La superficie terrestre si sta riscaldando a causa delle emissioni di gas serra, in gran parte dalla combustione di combustibili fossili. Se la temperatura globale aumenta, come previsto, del livello del mare salirebbe di diversi metri, provocando inondazioni. Il riscaldamento globale potrebbe anche causare la siccità e danneggiare l'agricoltura.


Verso un futuro vivibile.
Il crescente numero di esseri umani, l'espansione urbana, e lo sfruttamento delle risorse non fanno ben sperare per il futuro. Senza praticare lo sviluppo sostenibile, l'umanità affronta un degrado ambientale e può anche invitare a un disastro ecologico.


Proporre l'azione.
Molti passi verso la sostenibilità possono essere assunti oggi. Questi includono utilizzare l'energia in modo più efficiente, una migliore gestione della città, l'eliminazione dei sussidi che incoraggiano dei rifiuti, gestione delle risorse idriche e protezione delle fonti d'acqua dolce; salvaguardia delle foreste, piuttosto che distruggerle, tutela del suolo coltivabile e aumento della produzione alimentare attraverso una seconda Rivoluzione Verde, la gestione delle zone costiere e la pesca oceanica; e l'adozione di una convenzione internazionale sui cambiamenti climatici.


 
Ecco un piccolo pezzo del film "una scomoda verità" di Al Gore...



...E ORA...RIMBOCCHIAMOCI LE MANICHE E SALVIAMO IL NOSTRO PIANETA, finchè è possibile!

lunedì 10 maggio 2010

paesaggi


...un pò di paesaggi...

giovedì 22 aprile 2010

sabato 17 aprile 2010

Sto pensando a te
mentre cammino, mentre parlo, mentre rido, mentre respiro
sto pensando a te
mentre mi sveglio, quando corro tutto il giorno
sto pensando a te
mentre mi spoglio di ogni orgoglio mentre guardo il mio destino
sto pensando a te
quando ricordo mentre ancora sento il tuo profumo


Na na na
Cosa faresti al posto mio
se ogni pensiero
se ogni pensiero fossi io?
Cosa faresti tu?
Cosa faresti tu?


Sto pensando a te
mentre mi sveglio, quando corro tutto il giorno
sto pensando a te
mentre cammino, mentre parlo, mentre rido, mentre respiro
sto pensando a te
mentre mi spoglio di ogni orgoglio quando guardo il mio destino
sto pensando a te
mentre ricordo quando ancora sento il tuo profumo

Na na na

Cosa faresti al posto mio
se ogni pensiero
se ogni pensiero fossi io?
Cosa faresti tu?
Cosa faresti tu?

Cosa faresti al posto mio
se ogni pensiero
se ogni pensiero fossi io?
Cosa faresti tu?


giovedì 15 aprile 2010

Quando nasce un amore- Anna Oxa

Quando nasce un amore non è mai troppo tardi
scende come un bagliore da una stella che guardi
e di stelle nel cuore ce ne sono miliardi
quando nasce un amore, un amore.

Ed è come un bambino che ha bisogno di cure
devi stargli vicino devi darli calore
preparargli il cammino il terreno migliore
quando nasce un amore, un amore.

E' un emozione nella gola da quando nasce a quando vola
che cosa c'è di più celeste di un cielo che ha vinto mille tempeste
che cosa c'è se adesso sento queste cose per te
farò di te la mia estensione farò di te il tempo della ragione
farò di più farò tutte le cose che vuoi fare anche tu.

Ti fa bene, ti piace questa voglia di dare
e ti senti capace non ti puoi più fermare
come un fiume alla foce che si getta nel mare
quando nasce un amore, un amore...

E' l'universo che si svela quante parole in una sola
amore mio immenso e puro ci penso io a farti avere un futuro
amore che sta già chiedendo strada tutta per sè
farò di te la mia estensione farò di te il tempo della ragione

farò di più farò tutte le cose che vuoi fare anche tu.
...Sì...
quando nasce, quando nasce un amore.